Archivi categoria: comunicazione

L’anno passato, insieme

…e l’anno nuovo che passeremo.

Nella foto: l’obiettivo di ASPO Italia per l’anno 2016, visto da Marte.

Di Dario Faccini

Continua a leggere

Comunicare il cambiamento (Parte 2)

climate change cartoons_better worldLe scoperte della Psicologia Sociale nel campo della comunicazione sui cambiamenti climatici. Cosa funziona e cosa invece no.

Perché la sfida dei cambiamenti climatici non finirà con la COP21.

Di Dario Faccini

Continua a leggere

La scoperta dell’America e l’effetto “Francesco”

21084133444_454a747f98_b

Un capolavoro di comunicazione e diplomazia.

Il viaggio del Pontefice in America è il primo esempio di leadership globale in un’epoca di grandi cambiamenti.

Con la saldatura tra fede e scienza, il ruolo della Chiesa Cattolica si sta trasformando in quello di grande attore strategico in difesa degli interessi a lungo termine dell’Umanità.

Di Dario Faccini

Continua a leggere

Il punto di rottura

puntodirottura

Provo a spiegare meglio una delle ragioni per cui, da più di dieci anni, cerco di comunicare l’urgenza di una transizione energetica che ci faccia abbandonare le fonti fossili.

Il tema che voglio affrontare oggi è quello del declino dell’EROEI del petrolio.

Finché non siamo prossimi alla soglia la società tende a non percepire il problema. Il rischio è che inizi a percepirlo solo quando sarà troppo tardi.

Di Luca Pardi

Continua a leggere

LAUDATO SI’, Papa Francesco!

laudatosi

E’ la più antica e vasta organizzazione sociale. Dovrebbe essere conservatrice. Invece è la paladina di un cambio di paradigma epocale. E’ la Chiesa.

Una sintesi ragionata della nuova Enciclica “Laudato Sii” di Papa Francesco.

Di Dario Faccini

Continua a leggere

Assemblea 2015: nel bene e nel male

IMG_20150523_133640

Conclusa l’assemblea annuale dei soci di ASPO Italia, si tirano le somme di un altro anno. Aspetti positivi e negativi si rincorrono.

Di Dario Faccini

Continua a leggere

La dura lezione di Ebola (Parte 2)

sierra-leone-012

Nessun uomo è un’isola, completo in se stesso; ogni uomo è un pezzo del continente, una parte del tutto. Se anche solo una zolla venisse lavata via dal mare, l’Europa ne sarebbe diminuita, come se le mancasse un promontorio, come se venisse a mancare una dimora di amici tuoi, o la tua stessa casa. La morte di qualsiasi uomo mi sminuisce, perché io sono parte dell’umanità. E dunque non chiedere mai per chi suona la campana: suona per te.  (John Donne)

Di Dario Faccini

Continua a leggere