Non diamo l’acqua per scontata

Una risorsa sempre meno disponibile.

E una buona notizia.

di Mauro Icardi

Per parlare di acqua, ancora prima di elencare dati o di prospettare scenari, vorrei iniziare con un ricordo personale. Il ricordo di nonna Teresina, che fino alla fine degli anni 70 doveva approvvigionarsi di acqua dal pozzo, calando il secchio con una corda e una carrucola. Poi mio padre con l’aiuto di un fratello, recuperò  materiale  (tubi e pompa idraulica) che provenivano dalla  ristrutturazione di una villetta. Materiale praticamente nuovo, ma che sarebbe stato destinato a finire in discarica.  Terminata l’installazione quando nonna aprì il rubinetto e vide scorrere l’acqua rimase senza parole.  Poi in dialetto augurò che “ Il signore desse tutto il bene” a mio padre e mio zio.  Tutto questo è avvenuto nel basso Monferrato, non in qualche remoto paese africano o asiatico.

L’acqua per la nonna era preziosa. La rispettava e non la sprecava. Raccoglieva quella piovana, ed era molto attenta nell’irrigazione del suo orto. Era resiliente in maniera naturale.

I cittadini californiani lo sono dovuti diventare qualche anno fa. Le ridotte precipitazioni e il ridotto innevamento non riescono più ad alimentare il bacino del fiume Colorado che è la fonte principale di approvvigionamento idrico. Il governatore della California Jerry Brown  nel 2015 fu costretto ad emanare un’ordinanza per il razionamento dell’uso dell’acqua, il cui consumo doveva essere ridotto del 25%. Erano  previste multe salate e controlli capillari per far si che l’ordinanza venisse rispettata.  In quel periodo si  registrarono episodi che sembrano appartenere al copione di un film di fantascienza post apocalittica. Furti d’acqua da cisterne dei vigili del fuoco, deviazioni non autorizzate di cascate, furti di acqua dagli idranti.  I primi dolorosi ed inaspettati segnali del riscaldamento globale. E di un futuro probabilmente diverso dal nostro attuale presente.

In questi anni il cambiamento climatico, logiche di sfruttamento intensivo delle risorse idriche e scarsa attenzione all’ecosistema stanno determinando condizioni di vera e propria crisi globale dell’acqua.

Ma come sempre, ancora oggi molte persone hanno una percezione inesatta dell’acqua. Ed uno dei fenomeni più diffusi è la diffidenza, quando non il rifiuto di bere acqua del rubinetto. Le insistenti, e per me irritanti, pubblicità a tappeto delle acque in bottiglia possono avere contribuito a questo fenomeno.

Per quelli che sono più coraggiosi ed hanno optato per l’acqua del rubinetto,  la buona notizia è che nel futuro, prima come adesione volontaria, e successivamente come obbligo normativo, le aziende che distribuiscono acqua potabile si doteranno di un Water Safety Plan. Questa decisione deriva dalla revisione della direttiva  98/83/CE sulla qualità delle acque destinate al consumo umano (recepite dal Dlgs 31 del 2001 in Italia).

La fornitura di acqua qualitativamente idonea all’uso umano è attualmente garantita in Italia da una serie di misure normative particolarmente rigorose, da prassi consolidate nei sistemi di gestione idrica in grado di assicurare la produzione di acque sicure, e da un livello di sorveglianza particolarmente esteso e capillare.

Nel futuro l’adozione di un piano di sicurezza impegnerà i gestori in un lavoro di carattere multidisciplinare. Si tratterà di predisporre un piano dettagliato di analisi dei rischi e delle possibili contaminazioni sull’intera rete idrica, e nei vari punti di diramazione e di snodo.

 

In Italia circa l’85% delle acque destinate al consumo umano viene prelevata dalle falde. Questo garantisce una miglior qualità ed una maggiore gradevolezza (particolare non indifferente quando poi si tratta di ottenere il gradimento dell’utenza). Ma le falde sono più vulnerabili a situazioni di eventuali contaminazioni o inquinamenti. E quindi necessitano di attenti interventi di protezione e monitoraggio.

Le risorse disponibili di acqua dolce sono sottoposte a una pressione crescente, ulteriormente aggravata dagli effetti dei cambiamenti climatici. Dagli anni ’80 il tasso dei prelievi di acqua dolce è cresciuto ogni anno dell’1%. Da oggi al 2050 si prevede che la popolazione mondiale crescerà ancora, passando da 7,8 a 9 miliardi di persone, mentre la domanda di beni alimentari crescerà nello stesso periodo del 56%. L’impoverimento di molte aree di approvvigionamento idrico  ha un impatto sempre più rilevante sulla quantità e sulla qualità delle acque.

Ma contestualmente secondo quanto riportato dal quinto rapporto dell’IPCC  (Gruppo intergovernativo sul cambiamento climatico) circa il 7% della popolazione mondiale vedrà ridursi la disponibilità di risorsa idrica del 20% per ogni grado  di innalzamento della temperatura globale.

Altri numeri sono indicativi: 750 milioni di persone nel mondo secondo l’Unicef non hanno accesso all’acqua potabile. Noi ci permettiamo di usarla anche per i servizi igienici.  E restando all’Italia il report dell’Istat relativo al periodo 2015-2018 rileva che  siamo i primi nell’Unione Europea per prelievi di acqua ad uso potabile (428 litri per abitante/giorno). Contestualmente ancora il 47,9% di quest’acqua si disperde nelle reti.

 

Il problema della gestione dell’acqua, come tutti gli altri problemi ambientali, non è un problema nuovo. L’immagine della campagna Pubblicità Progresso risale al 1977. Non credo ci siano commenti da fare.

In questo grafico viene suggerito come l’acqua piovana possa sostituire quella potabile per utilizzi diversi. Ma non solo l’acqua potabile, anche l’acqua depurata potrebbe avere utilizzi diversi, primo fra tutti quello irriguo.

 

 

La modifica del ciclo dell’acqua che si caratterizza con fenomeni ricorrenti di siccità, modifica del regime delle piogge, scarso innevamento invernale, fusione anticipata dei ghiacciai e al contempo riduzione del volume degli stessi, si ripercuote in maniera evidente su tutto il comparto di gestione del ciclo idrico integrato.

Nel 2012 l’organizzazione mondiale della sanità si è preoccupata di emanare linee guida per la fornitura idrica ed il trattamento di potabilizzazione durante il verificarsi di eventi meteorologici estremi (WHO Guidance in water supply and sanitation in extreme weather events).

Eventi di questo genere mettono sotto pressione le strutture di distribuzione e di depurazione.  Ad eventi violenti e concentrati di precipitazioni piovose, fanno spesso seguito periodi piuttosto lunghi di assenza di precipitazioni. Quindi è fondamentale predisporre usi razionali dell’acqua. E questo non deve essere impegno solo delle aziende fornitrici, ma dovrebbe esserlo di ogni singolo utente.

Oltre all’acqua potabile va detto qualcosa relativamente al settore che chiude il ciclo idrico, cioè quello della depurazione. Qui il problema della repentina variazione dei flussi idraulici dovute alla precipitazioni piovose frequenti e concentrate è importante. Per due principali ragioni. La prima è relativa alla gestione di impianti dove le acque piovane confluiscono insieme a quelle reflue. Repentine variazioni della portata in ingresso possono provocare malfunzionamenti, intasamenti di pompe e sezioni di sollevamento.

Il secondo problema che si crea durante i periodi di siccità, è opposto ma non meno problematico.  Negli ultimi anni si sono verificati fenomeni di asciutta non solo di corsi d’acqua secondari, ma anche di fiumi come il Lambro. E si teme per altri fiumi lombardi, tra i  quali il Mincio.  Nell’immagine di copertina è fotografato il Lambro nel centro di Monza nell’agosto del 2015, ma la situazione si è ripetuta ugualmente questa estate.

Identica situazione con il Ticino ed i canali Villoresi e Naviglio Grande. Ormai da anni esiste una silenziosa guerra dell’acqua tra Lombardia e Svizzera. Vengono istituiti a intervalli regolari i tavoli tecnici. Va ridiscussa la gestione delle acque. Mentre scrivo si sono verificati i fenomeni di pioggia, violenta  con i soliti allagamenti e le ormai endemiche frane. Previsti e prevedibili. Ma soltanto la settimana scorsa erano state ridotte le portata del Canale Villoresi e del Naviglio Grande, dimezzandole. Altrimenti non si sarebbe terminata la stagione irrigua. Oltre a questo problema, rimane di fatto irrisolto quello delle asciutte. Un fiume che è alimentato solo dagli scarichi fognari, sia pur depurati correttamente, diventa un fiume dove è pesantemente a rischio la biodiversità e la sopravvivenza della fauna. Ne abbiamo già parlato

Forse ci siamo abituati a considerare l’acqua inesauribile, o per meglio dire sempre disponibile. Basta aprire un rubinetto. Non ci si interroga mai troppo su cosa ci sia dietro. Quali siano le correlazioni con il ciclo idrico che sono modificate anche a causa dei nostri comportamenti.

(L’alveo del Torrente Lura ricoperto di pesci morti durante un’asciutta)

 

Sui giornali viene riportata sempre più frequentemente una frase pronunciata da chi assiste o ad una siccità prolungata, oppure che ha subito eventi alluvionali.  La frase è “Mai visto niente di simile”. E’ una frase fatta. Stiamo vedendo sempre di più eventi di questo tipo.

Non li recepiamo probabilmente per una questione antropologica. Non ci siamo ancora adattati ad avere visioni di prospettiva. E’ un limite difficile forse da superare. Io non ho competenze in questo campo, e quindi posso solo continuare a fare meglio che posso il mio lavoro. Chimico che lavora nel ciclo idrico. Che però queste modifiche del ciclo dell’acqua non può non notarle. Perché di fatto hanno modificato anche il modo di lavorare negli anni.

Non diamo per scontata l’acqua. Preserviamola, impariamo a conoscerla. Rispettiamola e impariamo a capire il legame tra i nostri comportamenti, e quello che si sta verificando.  Le variazioni di clima sono legate alle attività umane. E quelle del ciclo idrico non ne sono che la logica conseguenza.

Ultima annotazione, in tempi di Covid-19: due gruppi di lavoro, cioè quello dell’Istituto Mario Negri, e quello dell’Istituto Superiore di Sanità, stanno monitorando la diffusione dell’epidemia tramite la ricerca dell’RNA del virus nelle acque reflue.  La buona notizia è che il virus arriva già attenuato all’ingresso degli impianti di depurazione, e che la competitività con gli altri microrganismi presenti nelle vasche di ossidazione biologica, e il trattamento finale nelle vasche di disinfezione riescono ad inertizzarlo.

Per poter adempiere alla giusta regola del lavare spesso le mani per limitare la diffusione del virus, dobbiamo avere acqua a disposizione. Altra ragione per non dare per scontata l’acqua, o meglio non riuscire ad immaginare quanto lavoro ci sia dietro il gesto di aprire un rubinetto che ci fa arrivare l’acqua in casa.

7 risposte a “Non diamo l’acqua per scontata

  1. Qui in montagna dove vivo, c’è uno spreco di acqua spaventoso. Idropulitrici, irrigazione a pioggia a oltranza, auto, strade lavate con acqua potabile durante la siccità… le persone insistono che l’acqua “c’è”. Non hanno neanche i contatori in casa. La cosa forse più triste è che nessuno considera che l’acqua è sottratta all’ambiente, dove sosterebbe tutto un ecosistema, pesci, uccelli, piante, animali selvatici che vanno ad abbeverarsi… tutto questo, semplicemente, per loro non esiste. Il mondo è il loro rubinetto.
    Spero un giorno di potermi dotare di una compost toilet. Risparmierei acqua e recupererei nutrienti, e leggo che, se ben fatta, neanche puzza.

    • Personalmente farei volentieri a meno dell’acqua in bottiglia, con quello che costa, ma quella del rubinetto qui ha un sapore pessimo (ma l’acqua non dovrebbe essere insapore?); poi sarà sana e quello che volete – ma anche questo meriterebbe accertamenti.
      Per il resto sto attentissimo ai consumi, uso lo sciacquone il meno possibile, ecc. E sono molto grato quando la mattina mi alzo e vedo ancora acqua fuoriuscire dal rubinetto (come pure se premo un interruttore e la luce si accende, altra cosa che diamo per scontata).

  2. Rispondo a Paolo con questo articolo uscito sul blog “La chimica e la società”, relativamente alla questione degli accertamenti. https://ilblogdellasci.wordpress.com/2017/05/31/due-parole-su-chi-controlla-le-acque-potabili/

  3. Purtroppo la potabilizzazione dell’acqua è in mano a aziende che devono fare profitto, i fatti del Veneto con la contaminazione da Pfas lo dimostra e se vedeste dove prelevano l’acqua da potabilizzare nella mia città vi si rizzerebbero i capelli, tanto poi aggiungono cloro…
    Ormai il genere umano deve decidersi a fare un passo indietro altrimenti arriveremo presto alle guerre civili per i generi di prima necessità.

    • Il problema a monte è che ci sono (tante) grandi industrie che inquinano aria, acqua e terra e raramente vengono chiamate a rimediare ai danni che hanno fatto. Come al solito, guadagni privati, danni pubblici.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.