Archivi categoria: risorse

UNBURNABLE CARBON

Il convegno che non ti aspetti.

Di Mirco Rossi

Continua a leggere

L’economia è un sistema dissipativo

sand castle 2

E’ vero che la sostenibilità ci porterà a consumare meno risorse? Possiamo far funzionare l’economia con poca energia? Perché avvengono i crolli economici? Quali sono i rischi per l’economia legati all’uso dei combustibili fossili? Qual’è l’influenza del Debito?

Continua a leggere

Video

Raschiare il fondo degli oceani: le patate minerali

Fe-mn nodules

E’ il più grande habitat della Terra. Il più difficile da raggiungere. Il meno contaminato. Il meno conosciuto.

E’ il fondale marino.

Ha una sola colpa: non essere ancora sfruttato dall’industria mineraria. Ma è un problema cui, proprio in questi giorni, si sta cercando di porre rimedio. Senza far troppo rumore.

No, purtroppo non è uno scherzo.

Di Dario Faccini

Continua a leggere

Italy Overshoot Day

Di Dario Faccini

Oggi è un a ricorrenza mondiale speciale: è l’Earth Overshoot Day. Ma quando è l’Italy Overshoot Day?

italyfootprintImpronta ecologica (in rosso) e biocapacità disponibile per ogni italiano. Fonte: FootprintNetwork.

Continua a leggere

Extracted

Di Luca Pardi

Leggendo extracted

Andare a trovare Ugo (Bardi) è sempre un piacere e spesso mi ha riservato delle sorprese. Una volta, nel 2003, mi ha cambiato il modo di vedere il mondo e quindi la mia stessa vita, facendomi scoprire il tema del Picco del Petrolio e delle sue conseguenze.

L’ultima volta che sono andato a trovarlo nel suo ufficio al Dipartimento di Chimica, la scorsa settimana, ho avuto in dono le bozze del suo ultimo libro, Extracted, Continua a leggere

“Effetto serra” fa rima con “effetto guerra”

di Dario Zampieri

arca noe

Nel periodo di Natale 1983 feci un viaggio in Tunisia con la mia futura moglie. Il giorno del volo di rientro tornammo a Tunisi in un clima di grande incertezza. L’aumento del prezzo della farina aveva incendiato una situazione già precaria dando avvio alla “rivolta del pane”. Dal centro città si levava una colonna di fumo nero, mezzi militari occupavano le strade, mentre il suono acuto delle sirene faceva da colonna sonora allo scenario di guerriglia urbana.

.

Continua a leggere

Incentivi e innovazione

Luca Pardi

Fracking_Site_in_Warren_Center,_PA_06_bar

Negli anni 80′ George Phydias Mitchell, un produttore di idrocarburi texano di origine greca, con un’azienda con base a Houston, cercava il modo di sfruttare il gas contenuto nelle rocce dure, compatte e, dunque, poco permeabili di una grande formazione geologica nota come “Barnett Shale” in una regione nei pressi di Dallas. I suoi collaboratori, geologi ed ingegneri usciti dalle migliori scuole americane, gli consigliavano di desistere, “stai sputtanando i tuoi soldi”, gli dicevano. Ma lui testardo ci credeva e, come tutti sanno, alla fine ha avuto ragione. Continua a leggere

Campbell’s Atlas of Oil and Gas Depletion

Francesco Aliprandi

Campbell's Atlas of Oil and Gas - Cover_BAR

“L’unica cosa che si può affermare con assoluta certezza è che le dettagliate previsioni qui contenute si dimostreranno errate. Su questo non esistono dubbi, ma ci porta a una domanda più utile: di quanto?”

Colin Campbell ha da poco consegnato alle stampe la seconda edizione del suo atlante, che riporta lo stato delle riserve mondiali di petrolio e gas naturale; lo scopo è quello di fornire una solida base di partenza per analizzare le tendenze per i prossimi decenni, posto che l’accesso a nuove informazioni potrà comportare delle revisioni così come già avvenuto per le stime del passato. Il lavoro si concentra sul petrolio convenzionale – escluso quindi quello con meno di 17.5° API, quello proveniente da acque profonde, oppure il recente shale oil – che finora ha rappresentato la maggior parte della produzione essendo economico, relativamente facile da scoprire ed estraibile in tempi brevi. Continua a leggere

Discussione intorno al falò: verso Homo sapiens – Sceneggiatura per un film

scimmie_barpng

Da The Oil Drum

Di Nate Hagens – Traduzione di Massimo Rupalti

Per qualche anno, di sabato, theoildrum.com (TOD) ha ospitato una discussione denominata: “Campfire” (che qui traduciamo come Discussione intorno al falò. NdT) – con un focus non sui grafici e le tabelle, ma più sul collante della scienza sociale che collega i tanti soggetti che girano intorno all’energia, all’ambiente e alla società.

Piuttosto che un luogo dove trovare le risposte giuste, il forum era inteso come un “parco giochi” in cui le persone interessate sulle più ampie implicazioni del nostro sistema umano, potevano interagire alla pari in una conversazione multidisciplinare. Questa specie di “supervisione sistemica” è stata una uno dei punti più forti dell’eclettico mix di commentatori che hanno aiutato a rendere grande TOD. Abbiamo avuto la “Discussione intorno al falò” settimanale per un paio d’anni perché il dialogo era così variegato e ad alto livello. Continua a leggere

Cosa è successo il 16 Giugno 2013 alle 15?

Claudio Della Volpe

energy map italy__BAR

Molti quotidiani e blog hanno riportato con enfasi il fenomeno verificatosi domenica 16 giugno 2013 dalle 14 alle 16 quando il PUN (Prezzo Unico Nazionale dell’energia elettrica) è sceso a zero su tutto il territorio nazionale.

Quasi tutti i giornali hanno riportato in modo inesatto o che il prezzo dell’energia elettrica è sceso a zero o che non si sono consumate fonti fossili; entrambe le affermazioni sono ampiamente errate e ASPO Italia vuole precisare quale sia il vero significato del fenomeno, importante ma da interpretare correttamente.

Continua a leggere