Archivi tag: gas

Parigi val bene una messa?

Gli Accordi di Parigi implicano cambiamenti che la società in realtà non vuole affrontare.

Nel mentre, il futuro dell’industria petrolifera non è mai stato così incerto.

E in Italia c’è chi prova a cambiare le cose.

Di Dario Zampieri

Continua a leggere

Annunci

La morte prematura dei giacimenti petroliferi

Le guerre fanno morti. Quelle petrolifere uccidono interi giacimenti.

Nel mentre, la confusione mediatica regna sovrana.

Di Dario Faccini

Continua a leggere

Il fondo del barile 2017/1

Artico, sabbie bituminose, idrati di metano, fracking. Torna alla grande il Fondo del Barile.

Rubrica redatta collettivamente da ASPO-Italia

Continua a leggere

ASPO: Lasciamoli sotto terra!

I quattro migliori motivi per votare al referendum del 17 Aprile.

Dati alla mano, ASPO Italia si schiera con il fronte dei SI.

Rallentiamo lo sfruttamento scriteriato in Italia delle riserve di petrolio e gas: “keep in the ground”.

Continua a leggere

La morte “fossile” dell’Italia

death-oil-750x468

Nel dibattito sul referendum del 17 Aprile, mancano domande fondamentali. 

Quanto petrolio e gas rimangono ancora da estrarre in Italia? Ha senso estrarli alla massima velocità possibile? 

I motivi per cui dobbiamo conservare questo “tesoro in molecole”,  proprio come conserviamo le Riserve Auree e la Primavera del Botticelli.

Di Dario Faccini

Continua a leggere

Petrolio e gas “netti”: il picco

current-model-2014

Ma quale abbondanza di petrolio e gas? Non è il lordo, ma il netto che conta.

Un sintesi di un articolo del papà di ASPO mostra con un semplice modello come si modifica il picco del petrolio e del gas quando si considera la sola energia netta, cioé l’energia che rimane dopo che si è sottratta quella impiegata nel processo estrattivo.

Non ci sono buone notizie.

Sintesi Di Gabriele Spitieri

Continua a leggere

ENI, la “scoperta” di gas del secolo

1280px-Nile_River_Delta_at_Night_cropped

Un giacimento “da record” di gas scoperto in Mediterraneo dall’ENI. Una buona notizia per l’Italia.

Ma forse non è poi così grande.

E non è detto sia per forza una buona notizia.

Di Dario Faccini

Continua a leggere